sabato 8 aprile 2017

Da Dynamic Manta ai missili in Siria: Augusta, base a rischio nucleare per le guerre Usa e Nato


L'attacco missilistico degli Stati Uniti, che ieri ha colpito la base aerea siriana di Shayrat, è stato lanciato dalle cacciatorpediniere Uss Ross (DDG 71) e Uss Porter (DDG 78). Proprio quest'ultima, dal 13 al 24 marzo, ha partecipato alla mega-esercitazione Nato Dynamic Manta nel Mar Ionio, affiancata dal sottomarino nucleare Uss New Mexico. 

Dal 25 al 27 marzo, la Uss Porter aveva compiuto l'ultima sosta presso la base aero-navale di Suda, nell'Isola greca di 
Creta, per poi congiungersi alla Uss Ross, transitata il 3 aprile dalla stazione navale di Rota in Spagna


E' molto probabile che il carico di missili
Tomahawk sia stato fatto nel porto di Augusta
, attingendo dal deposito di Cava Sorciaro, in territorio di Melilli. Un arsenale che ha servito, e continua a servire, tutte le principali operazioni di guerra statunitensi e dell'Alleanza Atlantica: dall'operazione "Desert Storm" della prima guerra del Golfo (1990-91) - durante la quale è documentato, in particolare, che la nave da guerra Uss Spruance faceva il pieno di Tomahawk proprio nella baia di Augusta - all'ultima avventura imperialista in Libia (2011).

Sempre ad Augusta, lo scorso 19 luglio, era approdata anche la Uss Ross, per rifornirsi di munizioni ("ammunition onload", si legge nei report della Us Navy), prima di muovere verso il Mar Nero per l'annuale esercitazione di guerra Nato, in funzione anti-russa, denominata "Black Sea Breeze".

L'ennesimo crimine di guerra Usa in Siria, seguito alla strage di civili compiuta dall'aviazione russa nella provincia di Idlib, conferma il ruolo centrale come trampolino bellico giocato dalla Sicilia e dalle altre regioni del Mediterraneo.


la Uss Porter in entrata nel porto di Augusta (SR), Sicilia


la Uss Porter nel Mediterraneo Orientale durante il lancio di missili Tomahawk che hanno colpito la base aerea di Shayrat, in Siria


la Uss Porter in fase d'ormeggio al pontile Nato nella baia di Augusta


Gianmarco Catalano




2 commenti:

  1. ma se l'intervento in SIRIA è solo di matrice USA, com'è possibile che sia stato autorizzato il carico a Melilli, che serve l'ITALIA, ed eventualmente solo la NATO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le Sesta flotta Usa si rifornisce regolarmente di munizioni e carburante presso il porto di Augusta, anche per missioni tese esclusivamente a proteggere gli interessi Usa in Europa e nel Mediterraneo. E' così da tempi remoti, c'è chi ancora ricorda il carico di bombe al napalm, fatto da militari italiani in servizio a Cava Sorciare, sulle navi statunitensi destinate alle operazioni di guerra in Vietnam.
      Di tutto ciò parleremo sabato 20 maggio, nel corso di un'assemblea d'informazione e dibattito ad Augusta: https://www.facebook.com/events/1789154001412094/

      Saluti,
      Gianmarco

      Elimina